Beni pubblici, beni del re. Le basi economiche dei poteri regi nell’alto medioevo (VI – inizio XI secolo)
IX seminario del centro interuniversitario di storia e archeologia dell’alto medioevo
10-12 ottobre 2016, École Française de Rome
sito web

Le società politiche dell’alto Medioevo occidentale sono ovunque caratterizzate da una forte centralità regia, indagata negli ultimi trent’anni soprattutto nei suoi aspetti di relazione: i rituali, le forme di comunicazione, la parentela e le alleanze fra gruppi aristocratici. Questo convegno si propone di riportare l’attenzione sulle basi economiche dei poteri di re, duchi e principi nell’alto Medioevo, dopo il venir meno dell’imposta fondiaria di origine tardoantica e il prevalere della rendita. Quali erano le risorse fondiarie nella disponibilità regia e qual era il loro rapporto con l’esercizio del potere, a livello centrale e locale? Quali erano, e quanto diffusi, i modi di redistribuzione di quelle terre? Quali le loro forme di gestione? E inoltre quali obblighi e quali imposte integravano la base economica dei poteri regi? Sulla base di un questionario comune, declinato su varie aree dell’Europa occidentale, storici e archeologi insieme si impegneranno su un tema tanto cruciale, quanto trascurato dalla ricerca recente.

Comitato scientifico
Josiane Barbier – Université Paris Ouest
François Bougard – Université Paris Ouest – IRHT Stefano Gasparri – Università Ca’ Foscari – Venezia, SAAME Tiziana Lazzari – Università di Bologna
Vito Loré – Università Roma Tre

programma scientifico.pdf

Beni pubblici, beni del re. Le basi economiche dei poteri regi nell’alto medioevo (VI – inizio XI secolo)

Rispondi

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: